2018 Regata su Gajete in Croazia

 

Un Po di donne 2018: c’’è un po’ di indecisione sul viaggio di quest’anno, abbiamo tante idee ma sono molti anche gli imprevisti che tolgono attenzione al nuovo progetto.
Lasciare che il tempo faccia il suo corso si rivela comunque propizio a una nuova esperienza.
Anzi due.
All’inizio di agosto un gruppo di cinque donne, Orietta, Marzia, Nan, Maggie e Sibylle partono per Betina in Croazia per partecipare alla regata di donne su gaiete. Altre dodici, Aida, Michela, Lucia, Daniela, Colleen, Orietta, Marzia, Monica, Silvia, Claudia, Luana e Cristina partecipano al viaggio lungo il fiume Sile.

Betina
IMG-20180803-WA0018Il 5 agosto in Croazia è festa nazionale, è la giornata della Vittoria e del Ringraziamento anniversario dell’operazione militare del 1995 che riconquistò i territori contesi dalla Serbia. Ma la regata delle donne su gaiete non è legata per fortuna a questa ricorrenza. A Betina, un piccolo borgo marinaro sull’isola di Murter, fino al 1979 era tradizione organizzare la regata di voga in piedi su gaiete, poi caduta in disuso e ripristinata dopo la guerra, nel 2012 durante le giornate della Bragagna, grazie al sostegno del Museo di Betina. Per la regata si usano le barche tradizionali utilizzate per la pesca. Sono barche massicce, in legno, armate con vela e remi. Per l’occasione vengono alleggerite di reti, albero e vele, e adattate per la sola voga. I remi sono robusti e pesanti, non è semplice l’impugnatura, soprattutto per mani femminili. Il contatto con il comitato organizzatore di Betina, viene dalle donne di Pirano che già l’anno scorso avevano partecipato con Orietta all’evento, lanciando la proposta di fare un equipaggio piranese e uno veneziano per l’anno in corso. Come non accogliere un invito simile? Le cinque veneziane raggiungono Spalato in aereo e poi Betina con un taxi, Ugo, Gigi, Paola, Ester partono in auto per Pirano e proseguono il viaggio insieme alle amiche piranesi. Appuntamento per tutti il 2 agosto per provare equipaggi e dotazioni tecniche, visitare alcune isole delle Cornati e infine gareggiare.
Il 5 agosto nel tardo pomeriggio infuocato, 9 equipaggi si sfidano su altrettante gaiete. La competizione fra veneziane e betinesi è serrata, il nostro equipaggio si aggiudica il primo posto con un vantaggio minimo. L’atmosfera delle giornate croate è sempre festosa. Come si dice a Venezia, l’acqua unisce arcipelaghi lontani e diversi, chi condivide la cultura di mare ha in comune il sapore del sale, l’intensità del vento e la stella polare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...